mercoledì 17 giugno 2015

Il morso del digiuno


Ansimanti pulsioni fremono
su capezzoli schiumano capricci assopiti ,
ergono cime di voglie rabbiose ,
dall’irascibile sangue la carne si infuoca .
Per pietà del cuore libero l’anima mia!
Su di te decoro i germogli dell’amore …
Mordo la carnalità dei sensi miei ,
essi , opprimono , lo scetticismo incredulo .
È il morso del digiuno a divorare spasmi,
desiderio avaro ch’è s’adombra e si svela ,
pulsa battiti frenetici
nei meandri dissoluti della vita ;
in corteggi e fiumi di parole eluse .
Sei tu dunque l’arma o donna !
il sensuale bersaglio
ove si racchiude
il tuo cerchio magico ,
l’assoluto enigma del mare in fuga ;
lì tu stessa procacci il bulbo delle rose .
E mordi le avversità del tempo …
tempo tiranno in cui affabuli misteri ,
nell’età dell’oro
rovente è la tua era ;
afferri e leghi i risoluti fati .
Mordimi dunque col tuo digiuno !
nella passione consumami …
avvinta , offrimi i tuoi baci ,
le tue ansie feroci ,
con dolcezza concedimi
un’ora sola del tuo amore .

Poetanarratore .


5 commenti:

  1. Ciao Giò , è sempre un piacere leggerti. Via alle passioni e no digiuno ;-)

    RispondiElimina
  2. Molto bella questa poesia Giò!

    RispondiElimina
  3. Ciao Poeta, è veramente bella e particolare la tua poesia ^__^

    RispondiElimina
  4. vi voglio bene !!!!! a presto, buone vacanze a te Fiore , jaz io 24 a Sary baci a voi tutti che mi leggete ,fate belle le vostre vacanze e amate , amate più che potete ,la vita è un lampo .

    RispondiElimina
  5. Grazie caro Gió anche a te buone vacanze ! E....seguiremo tuo consiglio :-D

    RispondiElimina

Ogni commento ci fa felici : grazie!
un sorriso per te :-)