venerdì 14 aprile 2017

Il Morso del Digiuno

Il morso del digiuno

Ansimanti pulsioni fremono
su capezzoli schiumano capricci assopiti ,
ergono cime di voglie rabbiose ,
dall’irascibile sangue la carne si infuoca .
Per pietà del cuore libero l’anima mia!
Su di te decoro i germogli dell’amore …
Mordo la carnalità dei sensi miei ,
essi , opprimono , lo scetticismo incredulo .
È il morso del digiuno a divorare spasmi,
desiderio avaro ch’è s’adombra e si svela ,
pulsa battiti frenetici
nei meandri dissoluti della vita ;
in corteggi e fiumi di parole eluse .
Sei tu dunque l’arma o donna !
il sensuale bersaglio
ove si racchiude
il tuo cerchio magico ,
l’assoluto enigma del volere ,amare .
Rovente è la tua era
afferri e leghi i risoluti fati .
Mordimi dunque col tuo digiuno ,
nella passione consumami
E scioglimi come lacrime di cera .
Avvinta , offrimi i tuoi baci ,
le tue ansie feroci ,
con dolcezza concedimi
un’ora sola del tuo amore .

Poetanarratore .

5 commenti:

  1. Caro Poeta, voglio augurarti una buona e serena Pasqua, caro amico.
    Ciao e buon venerdì santo con un forte abbraccio e un sorriso:-)
    Tomaso

    RispondiElimina
  2. Bentornato dopo tempo qui caro Giò...i tuoi versi ardenti di passione sono sempre unici!

    RispondiElimina
  3. Una intensa serie di versi passionali, colmi di originali immagini. Molto apprezzati
    Un augurio di buona Pasqua,silvia

    RispondiElimina
  4. Versi appassionati e vibranti. Un caro saluto.

    RispondiElimina
  5. Versi che di passione vibrano...
    Ros

    RispondiElimina

Ogni commento ci fa felici : grazie!
un sorriso per te :-)