mercoledì 13 novembre 2019

Gogyohka (*)


Sera d'estate
di tanta nostalgia
la luna parla
il cèrulo kimono
sulla candida pelle

@ Rosemary3


(*) - Gogyohka si traduce letteralmente come "verso cinque righe". È un'evoluzione della grande tradizione giapponese del verso corto, ma a differenza dei suoi predecessori Haiku e Tanka, non ha una sillabazione fissa.

9 commenti:

  1. Ma brava Rosemary sei proprio esperta in materia e apprezzo molto questi versi. Un caro saluto

    RispondiElimina
  2. complimenti bellissima poesia!

    RispondiElimina
  3. Un tratto poetico molto originale, apprezzato nella sua densa lettura
    Un sorriso,silvia

    RispondiElimina
  4. Bellissima prova!
    Non conoscevo questo tipo di poesia però mi intriga.
    Ciaooo

    RispondiElimina
  5. Bel post ed ottima prova. Un saluto e buon fine settimana in arrivo

    RispondiElimina
  6. Rosemary, se non ti spiace per il 17 novembre ho programmato un post con questo tio ti poesia. Ovviamente ho fatto riferimento a te e al tuo post.
    Ciao

    RispondiElimina
  7. Complimenti , sei davvero bravissima!
    I tuoi versi sono così delicati
    Ciao , un caro saluto

    RispondiElimina
  8. Neanch'io conoscevo questo genere di poesia. Complimenti! ^_^

    RispondiElimina
  9. La luna musa ispiratrice, apprezzata lettura
    Cioa Rakel

    RispondiElimina

Ogni commento ci fa felici : grazie!
un sorriso per te :-)